ARTICOLO-ANSIA-960X640.jpg

L’ ANSIA

L’ansia è un problema molto diffuso e riconoscerla è il primo passo per superare il problema.
L’ansia è uno stato psichico di un individuo, caratterizzato da una sensazione di intensa preoccupazione o paura relativa a uno stimolo ambientale specifico, associato a una mancanta risposta di adattamento da parte dell’organismo in una determinata situazione che si esprime sotto forma di stress per l’individuo
stesso.
La sua forma patologica costituisce i disturbi d’ansia.
L’ansia è una combinazione di emozioni che includono paura, apprensione e preoccupazione, ed è spesso accompagnata da sensazioni fisiche come palpitazioni, dolore al petto, respiro corto, nausea, tremore.
I segni somatici sono dunque un’iperattività del sistema nervoso.
Si distingue dalla paura vera e propria per il fatto di non avere una causa specifica. L’ansia sembra avere varie componenti di cui una cognitiva, una somatica, una comportamentale.
La componente cognitiva comporta aspettative di un pericolo incerto.
Dal punto di vista somatico il corpo prepara l’organismo ad affrontare una reazione d’emergenza: la pressione del sangue e la frequenza cardiaca aumentano, la sudorazione aumenta, il flusso sanguigno verso i più importanti gruppi muscolari aumenta e le funzioni del sistema immunitario e quello digestivo diminuiscono.
Esternamente i segni somatici dell’ansia possono includere pallore della pelle, sudore, tremore e dilatazione pupillare.                                                                              Dal punto di vista emotivo, l’ansia causa un senso di terrore o panico, nausea e brividi.
Dal punto di vista comportamentale, si possono presentare sia comportamenti volontari sia involontari, diretti alla fuga o all’evitare la fonte dell’ansia. In ogni caso l’ansia non sempre è patologica: è un’emozione comune come la paura, la rabbia, la tristezza e la felicità, ed è una funzione importante in relazione alla sopravvivenza. L’ansia risulta fortemente presente nei soggetti più vulnerabili agli stimoli ambientali.

In questo periodo di forte stress emotivo , oltre ai propri familiari ed al proprio medico, sarà operativo il numero verde di supporto psicologico 800.833.833, attivato dal Ministero della Salute e dalla Protezione Civile, con il sostegno tecnologico offerto gratuitamente da TIM. Un numero scelto rendendo omaggio alla Legge 23 dicembre 1978, numero 833, che ha istituito il Servizio Sanitario Nazionale. Il numero sarà raggiungibile anche dall’estero al 02.20228733 e saranno previste modalità di accesso anche per i non udenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.